confronto dieta vegana e dieta mediterranea

Si stima che il 3% degli italiani sia vegetariano. Di questi, una terza parte non esclude dalla sua dieta qualsiasi tipo di carne e pesce, ma anche tutti quei prodotti di origine animale come uova, latte e suoi derivati. È la dieta vegana, che ogni giorno ha più seguaci. Tuttavia, non è privo di rischi, soprattutto nei bambini, essere in grado di interferire con il loro sviluppo sia fisico che intellettuale.

La dott.ssa Maria Domenica, nutrizionista del Servizio di endocrinologia e nutrizione degli ospedali HM Montepríncipe e HM Torrelodones University, fornisce le chiavi di questo tipo di dieta.

Le persone che seguono una dieta vegana mangiano esclusivamente alimenti a base vegetale. Questo tipo di dieta, spiega il Dr. Palomo, comporta un elevato consumo di verdure, carboidrati complessi e fibre, quindi ha un effetto salutare per il cuore. Sempre più persone scelgono questo tipo di dieta. Ciò si riflette nell’offerta gastronomica dei ristoranti, che negli ultimi anni hanno incorporato principalmente piatti vegetariani, ma anche vegani. Lo stesso vale per i supermercati, sui cui scaffali non è più insolito trovare ingredienti per la preparazione di queste ricette.

​È salutare?

Una dieta vegana ben pianificata può essere altrettanto sano come la dieta mediterranea. Ma essere vegan non è sano,” dice il Dott Palomo. Egli mette in guardia, vegan “è una dieta complessa che richiede una elevata conoscenza e la supervisione di un nutrizionista.” L’ignoranza e la pianificazione inadeguata possono “portare a carenza di alcuni nutrienti essenziali, che può portare a problemi di salute.”

Per essere in buona salute, la dieta vegana deve essere pianificato correttamente e includono una varietà di alimenti che ci aiutano a ottenere la fornitura di sostanze nutritive necessarie. Si tratta di alimenti e raccomandazioni, secondo il dottor Palomo, deve includere tutti i dieta vegana .:

  • Il cibo di origine vegetale ricchi di calcio e ferro.
  • Fruits e verdura ricca di vitamina C per favorire l’assorbimento del ferro.
  • Esposizione al sole come fonte di vitamina D.
  • Integrazione della vitamina B12.
  • Alimentari contenenti omega-3 grassi polinsaturi.
  • Hidratos carbonio globale per evitare gli zuccheri semplici in eccesso.

I rischi

I rischi della dieta vegana sono associati al deficit di alcuni nutrienti essenziali. Le carenze e i problemi più comuni sono:

  • Vitamina B12: non presente negli alimenti di origine vegetale, quindi i vegani necessitano di un’integrazione. La sua mancanza può portare a un’anemia perniciosa.
  • Calcio: il suo deficit può causare problemi alle ossa e ai denti e persino alterare le funzioni muscolari e nervose.
  • Iron: il suo assorbimento è limitato rispetto a quello di chi consuma carne o pesce e può provocare anemia sideropenica.
  • Vitamina D: la sua presenza in pochi alimenti naturalmente può essere aggravata da una dieta vegana, essenziale per l’assorbimento del calcio. La sua mancanza durante le fasi di sviluppo può portare a rachitismo e in età adulta, l’osteoporosi. Se non c’è una corretta esposizione al sole, si consiglia di completarlo.
  • Omega 3 acidi grassi: la principale fonte di omega 3 è il pesce azzurro, anche se può essere trovato anche nelle verdure. La sua mancanza può influenzare le funzioni di salute del cervello, della vista e del cuore.
  • Proteine: le proteine ​​vegetali hanno un valore biologico inferiore rispetto a quelle di origine animale, cioè sono meno complete, quindi è necessario sapere come combinare verdure diverse. La sua mancanza può portare a problemi associati alla carenza di aminoacidi essenziali.

Bambini vegani

Nel caso dei bambini, il dott. Palomo sottolinea che questa dieta presenta troppi limiti e, pertanto, non è la più appropriata in questa fase della vita. “L’opzione più salutare per bambini e adolescenti”, dice, “è quella che include la più grande varietà di alimenti possibile. Meno restrizioni ci sono, meglio è”. A suo avviso, “una dieta mediterranea adattata allo stile di vita e all’attività fisica di ogni persona è l’opzione migliore per mantenere uno stato di salute ottimale”.

Tuttavia, nei casi in cui i genitori sono vegani e desiderano che i loro figli seguano questo tipo di dieta, raccomanda di optare per opzioni meno rigorose come la dieta ovo-latto-vegetariana, che include il consumo di uova e latticini. Inoltre, aggiunge, devono prendere in considerazione l’integrazione di sostanze nutritive che non si trovano negli alimenti consumati. “Una carenza di calcio, vitamina D e proteine ​​di alto valore biologico potrebbe influenzare la crescita e, un deficit di omega 3, il loro sviluppo intellettuale”, conclude.